TheWiners Spedizione in tutta Italia CONSEGNA IN 48 ORE!
SPEDIZIONI GRATUITE
DA 6 BOTTIGLIE O DA 100€ DI SPESA
  

Barolo DOCG Castellero - Brezza


Denominazione: ROSSO DOCG
Vitigno: Nebbiolo 100%
Annata: 2012
Regione: Piemonte
Gradazione Alcolica: 14.5 %
Tipo Bottiglia: 0.750 l

Note particolari: 36 mesi in botti da 30 hl
 Vino biologico certificato
  



43,30 €  32,90 €

quantità: / 49

  

Periodo di consumo ideale: sarebbe ottimo attendere circa sei anni prima di degustarlo, ma se si potesse attendere oltre potrà regalare favolose emozioni.  

Temp. Di servizio: 18-20°C

Abbinamento Gastronomico: selvaggina cacciagione e carni rosse. Da provare con i tipici tajarin piemontesi con sugo di carne e fegatini.

Caratteristiche:  colore rubino tendente la granato. All’olfatto predominano note di cardamomo, china calissaja, radice di rabarbaro, seguite da acqua di rose, essenza di violetta e soffusa balsamicità. In chiusura profili di cenere e nuance salmastre. Al palato fresco con sviluppo vibrante e dinamico, personalità spiccata con tannini rotondi in via di integrazione, molto promettenti. 

Vinificazione: lo stile di vinificazione si ritiene sia un’opera unica e irripetibile, dalla crescita senza forzature. Le uve vengono vinificate a parte soltanto nelle annate che risultano di buon livello qualitativo. Diversamente negli anni meno fortunati, concorrono assemblate a uve Nebbiolo provenienti da altre sottozone (Cannubi, Sarmassa) alla produzione del Barolo senza indicazione del vigneto. 

Altre informazioni
Le caratteristiche geologiche che maggiormente caratterizzano questo vigneto sono le cosiddette ARENARIE DI DIANO, originatesi nell’Elveziano da correnti di torbido sottomarine. Questo terreno si presenta più sabbioso dei Cannubi e dà un vino di buona struttura non sempre equilibrato, soprattutto quando è ancora giovane. È infatti consigliato per il consumo dal sesto anno in avanti nelle grandi vendemmie.
Ubicazione: Comune di Barolo
Densità: 3.700 ceppi/ha
Produzione: ca. 6.000-7.000 kg/ha
Anno d’impianto: 1970
0 %


Barolo DOCG Castellero - Brezza

Denominazione: ROSSO DOCG
Vitigno: Nebbiolo 100%
Annata: 2012
Regione: Piemonte
Gradazione Alcolica: 14.5 %
Tipo Bottiglia: 0.750 l

Note particolari: 36 mesi in botti da 30 hl
 Vino biologico certificato
  


43,30 €  32,90 €

quantità: / 49


  


Periodo di consumo ideale: sarebbe ottimo attendere circa sei anni prima di degustarlo, ma se si potesse attendere oltre potrà regalare favolose emozioni.  

Temp. Di servizio: 18-20°C

Abbinamento Gastronomico: selvaggina cacciagione e carni rosse. Da provare con i tipici tajarin piemontesi con sugo di carne e fegatini.

Caratteristiche:  colore rubino tendente la granato. All’olfatto predominano note di cardamomo, china calissaja, radice di rabarbaro, seguite da acqua di rose, essenza di violetta e soffusa balsamicità. In chiusura profili di cenere e nuance salmastre. Al palato fresco con sviluppo vibrante e dinamico, personalità spiccata con tannini rotondi in via di integrazione, molto promettenti. 

Vinificazione: lo stile di vinificazione si ritiene sia un’opera unica e irripetibile, dalla crescita senza forzature. Le uve vengono vinificate a parte soltanto nelle annate che risultano di buon livello qualitativo. Diversamente negli anni meno fortunati, concorrono assemblate a uve Nebbiolo provenienti da altre sottozone (Cannubi, Sarmassa) alla produzione del Barolo senza indicazione del vigneto. 

Altre informazioni
Le caratteristiche geologiche che maggiormente caratterizzano questo vigneto sono le cosiddette ARENARIE DI DIANO, originatesi nell’Elveziano da correnti di torbido sottomarine. Questo terreno si presenta più sabbioso dei Cannubi e dà un vino di buona struttura non sempre equilibrato, soprattutto quando è ancora giovane. È infatti consigliato per il consumo dal sesto anno in avanti nelle grandi vendemmie.
Ubicazione: Comune di Barolo
Densità: 3.700 ceppi/ha
Produzione: ca. 6.000-7.000 kg/ha
Anno d’impianto: 1970
Brezza



L’Azienda Agricola Brezza, è proprietaria di vigneti in Barolo (CN – Piemonte) fin dal 1885. Prende il nome da Giacomo Brezza, che per primo insieme al padre Antonio, intorno al 1910, ha messo il vino in bottiglia. Famiglia storica di viticoltori di Barolo, a pochi passi dal centro, i Brezza gestiscono anche un ristorante e un albergo tra i più rinomati di Italia. In vigna ed in cantina, oggi è Enzo Brezza il custode della tradizione e suo messaggero.

Attualmente l’Azienda è condotta dalla quarta generazione in agricoltura biologica certificata.

La filosofia aziendale consiste nel produrre vini monovitigno curando al meglio il vigneto con opportune potature e accurati diradamenti. La cura meticolosa per le viti ha fatto sì che alcuni ceppi hanno raggiunto l’età di 70 anni. La vendemmia è fatta manualmente, l’affinamento dei vini che lo necessitano è tradizionale, in botte grande di rovere di slavonia con le doghe piegate a fuoco ma non tostate.

I vini affinati in legno non vengono né filtrati né chiarificati e da 10 anni l’Azienda ha adottato la chiusura di una porzione importante delle proprie bottiglie con un innovativo tappo in vetro, che fornisce, a suo giudizio, una maggiore garanzia nel rispetto delle caratteristiche tipiche dei suoi vini.
 
Created by GIGA Studio