TheWiners Spedizione in tutta Italia CONSEGNA IN 48 ORE!
SPEDIZIONI GRATUITE
DA 6 BOTTIGLIE O DA 100€ DI SPESA
  
THE WINERS / BLOG
Quando la passione si coltiva...





  

Quando si parla di Vino si parla di agricoltura, di coltivazione... in un certo senso così come la passione per esso, che va coltivata, giorno per giorno. 
 
In un caldissimo pomeriggio di giugno, grazie all'iniziativa di cui è stata tra i protagonisti l'Azienda Vitivinicola Gianni Doglia, abbiamo potuto far assaporare anche ai più piccoli, pur non bevendolo, l'affascinante ed immenso mondo del vino...


Armati di pazienza, equipaggio per i lunghi trasferimenti con i bambini e tanto entusiasmo, alle 15.30 siamo arrivati a Castagnole delle Lanze sulla collina con i nostri tre figli, dove ci attendeva tutto lo Staff di Gianni Doglia. 
 
Lungo la discesa che porta alla cantina abbiamo potuto ammirare un paesaggio meraviglioso, complici le colline, i vigneti ed il cielo azzurro senza neanche l'ombra di una nuvola. 
 
Ci accoglie Paola Doglia, sorella di Gianni Doglia, disponibilissima ed energia pura come sempre. Presentiamo i bambini ai ragazzi dell'animazione (parco didattico "Le Colline Di Giuca") e partiamo con il nostro "giro in cantina". 
 
Non andremo troppo nei dettagli, perché alcune esperienze è bello "viverle",  ma Paola ci porta subito in vigneto: 10 ettari di proprietà, di cui la metà dedicate al loro Moscato d'Asti, amato da chiunque si trovi per caso sulla sua strada.
Tra i vigneti ci sono anche gli alberi di nocciole, altro piccolo tesoro dell'Azienda di famiglia.
 
Dopo questo "caldo" passaggio tra i vigneti ecco che si torna in sala degustazione. Paola ci fa assaggiare il loro Monferrato DOC bianco (a base Arneis), il loro Grignolino, assolutamente sopra le righe come già ricordavamo dalla prima volta che abbiamo avuto il piacere di assaggiare con Gianni, la Barbera Boscodonne, il Moscato d'Asti detto "La Giostra" e per finire, una delle loro punte di diamante: il Moscato d'Asti Casa di Bianca, quest'anno, il 2015, premiato 3 bicchieri Gambero Rosso. 
 
Gianni Doglia lo abbiamo conosciuto proprio grazie a questo Moscato d'Asti eccellente. L'avevamo trovato ad una cena con i suoceri e ce ne siamo innamorati. Da lì, la ricerca della cantina, la visita in cantina, il legame con questo produttore e... la dipendenza! 
 
Di tutto ciò hanno potuto godere anche i bambini, che hanno trascorso ore piacevoli giocando con giochi in legno, tutti costruiti artigianalmente e tutti che riprendevano il territorio, il mondo del vino e la sua cultura. Certo, la merenda dei bimbi non è stata a base di buon vino e salumi e formaggi ma bensì succo di frutta e pane e marmellata, ma è stato un modo per far trascorrere loro del piacevole tempo in mezzo alla natura, con gli altri bambini, giocando con oggetti semplici che hanno liberato la fantasia. E poi lì, tra le colline, i vigneti, la natura, in fondo la passione si coltiva fin da piccolini, perché mai il vino e la sua cultura dovrebbero essere solo "roba da grandi"?
 
Grazie Paola, grazie Gianni! 
 
 
 
 
Created by GIGA Studio